Micro Racconti

Racconti da : a

 

La cuccia

Secondo il Libro di Urantia (dove uno spirito celeste ha parlato per mezzo di una persona in trance spirituale) "Urantia (la vostra Terra) fa parte di un Universo Locale (Nebadon) insieme ad altri pianeti abitati più o meno simili; Nebadon, insieme ad altri universi locali, fa parte del superuniverso di Orvonton; il quale, insieme ad altri sette superuniversi ancora in fase evolutiva, insieme dell'Universo Centrale stazionario di Havona (dove risiede il Paradiso) fa parte del Grande Universo. L'Universo Maestro invece, è l'insieme del Grande Universo e degli universi ancora non abitati". Vero o falso che sia, tuttavia anche il solo nostro Universo è qualche cosa di immensamente indefinibile in termini di grandezza e bellezza. In mezzo a questa grandiosità, Dio ha creato anche l'Umanità. È possibile allora che questa Umanità sia quella pochezza e tristezza che vediamo tutti i giorni attraverso la TV, i giornali e i film? È come se l'architetto chiamato a progettare il Burj Khalifa (il grattacielo più alto del mondo), chiamato anche a progettare una piccola cuccia per cani, l'avesse costruita indecentemente scarsa e indefinitamente brutta. Possibile? O invece avrebbe costruita anche quella la più bella del mondo? Noi siamo quella bellissima cuccia, forse ancora avvolti da un telo, in attesa dell'inaugurazione ufficiale.