Micro Racconti

Racconti da : a

 

Un modo diverso

"Lucifero creò l'universo a sua immagine. Gas roventi, magma incandescenti, continue eruzioni nucleari, etc. L'universo era ed è rimasto un calderone ribollente. Annoiato da tutto questo caos primordiale, creò un piccolo pianeta diverso da tutti gli altri. Azzurro, pieno d'acqua e verde, pieno di piante. Alla fine creò, da un pezzo di lava incandescente, degli essere viventi che chiamò uomo e donna. Naturalmente a sua immagine e somiglianza. Diluvi universali, Caino che uccide Abele; niente di strano nel suo mondo, era la regola. Un arcangelo suo collaboratore, Dio, cominciò a non condividere più il modo di fare di Lucifero e piano piano si staccò fino ad arrivare alla contesa diretta. Dio, arcangelo ribelle, aveva qualche cosa di diverso da Lucifero; la compassione verso questo genere umano alla mercé degli strumenti preferiti di Lucifero: potere, odio, orgoglio, cattiveria, guerre e omicidi: un divertente 'war game'. Se ne allontanò e di nascosto al suo ex capo, Dio inserì dentro l'uomo e la donna il seme del bene; seme totalmente nuovo e originale nell'intero universo. Lucifero non volle o non poté contendere direttamente con Dio, che aveva già radunato intorno a sé altri angeli ribelli, ma continuò a combatterlo a distanza dentro l'uomo e la donna aumentando a dismisura l'attrattività verso i suoi poteri. Dio si trovò allora costretto a ribilanciare i pesi del bene e del male, pagando l'alto prezzo di mandare il suo amato ed unico figlio a svelarci l'origine del male e del bene e ad indicarci l'unica via possibile per lo sviluppo pacifico di tutto l'Universo. E questa battaglia continua incessantemente anche oggi. Ma ora, non siamo più soltanto delle pedine da spostare di qua o di là; attraverso la maturazione del seme del bene, abbiamo lentamente acquisito una coscienza e una indipendenza decisionale. Abbiamo capito l'origine di questa battaglia a distanza, che ci vede fortemente coinvolti, tra Dio e Lucifero; ma ora possiamo prendere le nostre decisioni; possiamo fare autonomamente una scelta di campo: questa pianticella cresciuta ci ha dato il suo primo frutto: la morale. Ora possiamo essere noi l'ago della bilancia". Detta così, fosse così, la questione del bene e del male avrebbe una sua spiegazione.